copywriting social media manager

Il Copywriting nel Social Media Manager – Il parere dei Maghi del Copy

tempo stimato di lettura: 6 minuti

In questo 2022 ormai alla fine sta emergendo sempre di più una necessità di lavoro lato “online marketing” che non si può minimamente trascurare: colui che si occupa dei social network.

Facciamo subito una premessa: all’interno di questo articolo non condivideremo come diventare un social media manager. Mostriamo però l’impatto che ha il copywriting nella professione di social media manager e perché l’arte di scrivere per vendere ormai non è più sufficiente.

Secondo disclaimer: non vogliamo dire che il copy sia deceduto. Ma offrire servizi di copywriting senza avere un minimo di preparazione e competenza a 360° sul marketing in sé e per sé rischia di essere qualcosa di non più particolarmente appetibile.

Sì, i tempi stanno cambiando e con loro anche le competenze da conoscere e dominare.

Da come abbiamo iniziato questo articolo sembrerebbe che non ci sia più un futuro roseo per il copywriting, ma in realtà dipende molto da come viene “proposto” ed erogato in chi ne ha bisogno.

Nel senso… sono finiti i tempi in cui puoi proporti solamente come colui che scrive lettere di vendita e guadagna con le commissioni dalle vendite generate.

Quella tipologia di copywriting sta morendo proprio perché i tempi oramai sono letteralmente diversi.

E se tu ad oggi ti sei avvicinato al copywriting con l’intento di erogare questa tipologia di servizio… beh ci dispiace dirtelo ma sei completamente fuori strada.

Rischi di voler erogare qualcosa che le persone ricercano in altra maniera.

C’è da dire che il copywriting non è solamente scrivere per vendere. E’ conoscere il mercato, il pubblico e quindi anche la tipologia di prodotto o servizio da erogare/vendere.

Perciò colui che si ritiene un copywriter in realtà deve essere in grado di analizzare correttamente e adeguatamente il mercato. Se non sa farlo, allora non è un abile “scrittore che vende”.

Anche qui: non serve saper scrivere bene in italiano per farsi spazio online.

Serve invece conoscere le leve persuasive e di vendita da inserire in un contesto molto più grande.

Da qui entriamo nei meandri di questo articolo (si può dire) un po’ controverso.

Cosa fa il social media manager nel 2022

Che cosa fa il Social Media Manager?

Il Social Media Manager è la figura dell’azienda incaricata di gestire il marketing e la  pubblicità sui canali Social. 

Questa gestione include numerosi macro-task, tra cui: 

  • Pianificazione, 
  • strategia e definizione degli obiettivi. 
  • Sviluppo della brand awareness 
  • e gestione della reputazione online

Questo è ciò che ci suggerisce Google.

Ma dice tutto e dice niente.

Ci sono molti che hanno diverse opinioni a riguardo su quello che dovrebbe fare o che fa un Social Media Manager e le risposte dipendono anche dalle abilità che uno ha acquisito nel tempo a tal proposito.

Secondo te cosa fa un social media manager?

Scrivicelo nei commenti e vediamo se abbiamo la stessa opinione a riguardo.

Perché è così importante ad oggi conoscere le varie piattaforme di social network

Lasciando in sospeso la risposta precedente, ad oggi i canali di comunicazione presenti sono sulle piattaforme social.

Niente TV, Spot Radio o Giornali.

E quindi ti chiediamo: come puoi venderti anche solamente come creatore di contenuti “persuasivi” se non conosci lo strumento in cui verranno veicolati?

Va da sé che la produzione del servizio erogabile è “monca”. Nel senso che gli mancano dei pezzi, e questo non va assolutamente bene, perché se non sei al corrente delle novità, degli aggiornamenti presenti nelle piattaforme più usate al momento dal tuo pubblico o dal pubblico dei tuoi clienti… non riuscirai mai a poi mai ad erogare qualcosa di efficace.

Sarai sempre indietro rispetto altri professionisti di settore.

Questo è un palese dato di fatto.

Perciò hai intenzione di conoscerle oppure continui ancora a credere di riuscire a scrivere contenuti persuasivi soltanto consegnando un file word o pages e poi ci penserà il cliente al resto?

Non è così che funziona se lavori “da solo”.

Cosa diversa se sei all’interno di un’agenzia di marketing, ma questo è aspetto da trattare in un altro momento.

Come utilizzare il copywriting nel modo giusto all’interno di questa professione

Il punto è che il copy nella professione del social media manager dev’essere qualcosa di compreso e comprensibile da chi lo usa, perché se ci si approccia utilizzando o basandosi unicamente sui modelli pronti all’uso… quelli ormai sono passati di moda.

Sai perché?

Il pubblico è completamente DIVERSO ed EVOLUTO ad oggi 2022 e pensare di adoperare dei modelli preimpostati che andavano bene anni fa… oggi non funzionano più.

Il pubblico ha una consapevolzza diversa.

Ha dei bisogni diversi.

Ha delle esigenze diverse.

Ha delle paure nuove.

Le conosci?

A seconda della risposta a questa domanda ti renderai conto da solo cosa sai e cosa non sai del social media manager e di come usare il copywriting in modo corretto al suo interno.

Un modo che rimane quasi sempre “funzionante” è l’utilizzo delle storie.

Hai dato un’occhiata a questo video?


Ti aiuterà a comprendere come usare questo approccio nella professione del social media manager.

Considerazioni finali dei Maghi del Copy

Sì lo sappiamo, questo articolo è stato piuttosto sbrigativo.

E sai perché?

Le persone non hanno tempo.

Le persone vogliono soluzioni.

Le persone vogliono già arrivare al nocciolo della questione potendo interagire con chi reputano una persona esperta e capace in quella nicchia.

Magari noi potremmo esserlo per te oppure no.

Questo dipende dalla percezione che ti abbiamo dato e da ciò che stai cercando.

Ma ciò che riteniamo fondamentale noi Maghi del Copy è saper usare lo StoryWriting nei propri contenuti di marketing e quindi anche nella professione del social media manager.

Un modo per capire come farlo senza troppi giri di parole è partendo da qui.

Sì Maghi fatemi scoprire Storie che Vendono >>

Ah, ricorda di rispondere qui nei commenti alla domanda che ti abbiamo fatto all’inizio di questo articolo, siamo curiosi di capire cosa ne pensi.


Scrivi, Attira, Vendi

I Maghi del Copy

Lorenz, Vituz & Carloz


P.S. No i like, i commenti e le condivisioni, per quanto possano essere delle metriche importanti se contestualizzate nel modo corretto, non devono essere gli unici KPI da considerare come Social Media Manager.

C’è dell’altro. E secondo te quali sono le altre metriche?

Faccelo sapere nei commenti!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Informazioni su I Maghi del Copy

Il nostro sogno è quello di dar voce a quante più persone possibili attraverso il giusto utilizzo del copywriting, in modo che ognuno possa diffondere il proprio sapere, prodotti, servizi e abilità, per contribuire a rendere il mondo un posto migliore.

Informazioni su I Maghi del Copy
Il nostro sogno è quello di dar voce a quante più persone possibili attraverso il giusto utilizzo del copywriting, in modo che ognuno possa diffondere il proprio sapere, prodotti, servizi e abilità, per contribuire a rendere il mondo un posto migliore.

7 risposte su “Il Copywriting nel Social Media Manager – Il parere dei Maghi del Copy”

Senz’altro possiamo affermare che di SMM ne esistono due tipi:
#1 – quello che segue il mercato dei grandi brand ha come obiettivo sviluppare la visibilità del cliente
#2 – quello che segue l’azienda locale, il professionista, l’artigiano, il commerciante che lo ha coinvolto per acquisire clienti paganti, non like e consensi.
La conoscenza delle esigenze e delle richieste del singolo cliente, per il primo è di marginale importanza mentre per il secondo fa tutta tutta la differenza del mondo.
In questo caso la conoscenza di quello che si chiama AVATAR è determinante per la buona riuscita della vendita.

Diciamo che ormai smm e copywriter devono fondersi in una unica figura professionale, perché entrambi da soli vanno lenti o fuori strada

Quindi questa nuovo professionista dovrà
Capire il mercato

Sapere i bisogni dei clienti

Scrivere il giusto messaggio al giusto pubblico con il giusto canale

Conoscere gli strumenti

Saper analizzare i risultati

Ciao Ragazzi
Cosa fa un social media manager..mi verrebbe da dire spesso i miracoli perchè per conto mio, alcuni clienti chiedono prestazioni da designer,o da copywriter, ecc ecc al social media manager che fingendosi tal uno o tal altro per ‘accontentare ‘ o non voler sfigurare davanti al cliente fa finta di saperlo fare .
Conseguenze? Confusione sui ruoli. Del resto mi sembra che la.confusione regni sovrana nella.professione del SMM..
Detto ciò a mio avviso il Smm nel 2022 dovrebbe essere la persona che si occupa della presenza di un azienda o professionista per quel che riguarda il mondo piattaforme social, avvalendosi di collaborazioni con esperti dello specifico settore : copywriter,designer,webmaster adv expert ,quando richiesto .
Ciaoo Rossella

Condivido questo pensiero, è difficile ormai fornire al cliente solo la scrittura in copy, ci sono molti altri aspetti di cui tenere conto…

Il SSM ha bisogno anche di padroneggiare la grafica, i tools dei social, alcune automazioni… e tutto questo deve seguire regole di marketing ben precise, Brand positioning, Avatar, Tone of Voice, Analisi di mercato, e molte altre…

E’ tutto collegato e sta diventando tutto sempre più specialistico, in fondo il cliente richiede un servizio completo.

Da una parte bisogna essere gli specialisti, dall’altra parte per essere efficaci bisogna imparare ad impacchettare una soluzione pronta e completa per l’uso, una soluzione che incastri tutti i puzzle nella forma ottimale. Forse un team di specialisti che collabora a stretto contatto sarebbe l’ideale.

Un puzzle di menti specialiste che compone il quadro completo🧐😜

Il mondo del copy è quello che mi ha aiutato e mi sta aiutando con i miei clienti.

Copy + SMM = NUOVO MERCATO

Perché scrivo questo? Perché nel mio mondo ho a che fare con tante persone, tante attività che, come giustamente dicono i Maghi, hanno esigenze diverse, bisogni diversi, la pensano in maniera diversa e, quindi, lo stesso messaggio NON può assolutamente essere utilizzato, anzi…

A volte mi capita di vedere “studiare” la concorrenze e vedere qualche mia idea applicata… dite che mi dispiace? Assolutamente no, se quell’idea è piaciuta e l’hanno messa in pratica anche altre persone, vuol dire che è vincente e che va cavalcata!

Scrivere un copy, oggi, è diventato più semplice e i miei clienti se ne sono accorti, perché le interazioni sono aumentate (ah, i like non mi interessano e sapete perché? NON si mangia con 1000 like sotto un post, ne servono 10 buoni di potenziali clienti spendenti nella “mia” attività!).

Ecco perché il copy vale, sempre più spesso, almeno il 50% della strategia di un buon SMM.

Grazie Maghi <3

P.S. lo so, sono di parte, ma quello che avete scritto lo condivido al 100%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ALTRI ARTICOLI

SEGUICI SUI SOCIAL

Privacy PolicyCookie PolicyContatti

“I Maghi del Copy”, “Copy ADVentures” e “Copy DOMINO” sono Marchi Gestiti da L.R. S.R.L.S – Via Cantù 49, 95040, Mazzarrone – P. IVA : 05628900879

Tutti i Diritti sono riservati. È vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale.